Vita da single: quanto e come pulire la casa per mantenerla in perfetto ordine con il minimo sforzo?

Isabella Ripoli image
di Isabella Ripoli

17 Febbraio 2024

Vita da single: quanto e come pulire la casa per mantenerla in perfetto ordine con il minimo sforzo?
Advertisement

Vivere da soli ha i suoi pro e i suoi contro. Tornare a casa e sapere di potersi rilassare come si preferisce dopo una stancante giornata di lavoro, è sempre una bella sensazione. Ma il relax non è l'unica cosa da fare una volta messo piede in casa. Anche mantenere in ordine e pulire è molto importante. Come fare per ottimizzare al meglio i tempi senza rischiare di rinunciare a qualche ora di svago quando si è da soli e nessuno può condividere questi compiti?

I modi per non perdere di vista la propria vita dopo le incombenze quotidiane ci sono, basta un po' di buona volontà e tattiche ben delineate.

Advertisement

Il primo passo per organizzare al meglio le pulizie

Il primo passo per organizzare al meglio le pulizie

Needpix

Quando si vive da soli è normale doversi occupare di tutto ciò che riguarda la cura della casa e voler in qualche modo trovare la strada per far si che le faccende non impegnino tutto il tempo libero. Come fare, allora, per mantenerla, senza "sprecare" tutto il weekend a rassettare? Ci sono piccole strategie atte a facilitare questi compiti.

Innanzitutto, è importante creare uno schema da seguire, dividendo i vari compiti da svolgere tra le mura domestiche. Una tabella di marcia non farà altro che darci una regolare scansione del tempo, così da sapere sempre quanto impiegheremo per pulire e quante ore ci resteranno per divertirci. L'ideale sarebbe dividere le varie pulizie a seconda dei giorni e creare un vero calendario che, dal lunedì al venerdì - potremmo anche decidere di lasciare fuori il sabato e la domenica, dedicandoli a noi - ci guida nella nostra sistemazione di casa.

Dunque, dividiamo e, se occorre, appuntiamo su un foglio da tenere bene in vista di cosa ci occuperemo nelle varie giornate. Spolverare, cambiare la biancheria, spazzare e lavare il pavimento, pulire il frigorifero, i lampadari, fare il bucato, stendere e ritirare i vestiti: insomma, di cose ce ne sono tante, lo sappiamo, ma partiamo con la nostra suddivisione. È il primo passo necessario.

Advertisement

Quante volte pulire?

Quante volte pulire?

Emilia Murray/Wikimedia commons - CC BY-SA 2.0 DEED

Gli spazi della casa sono davvero tanti, anche nelle più piccine, motivo per cui serve capire cosa va pulito più frequentemente e cosa può essere trattato una volta a settimana, o al mese. Ci sono dei punti che non possiamo assolutamente tralasciare nel corso della giornata poiché vengono usati più spesso, sporcandosi di conseguenza molto di più, o comunque rischierebbero di dare un maggiore senso di disordine.

Ecco, allora, che il letto va rifatto ogni giorno, così da sistemare quanto più possibile la camera da letto; i sanitari in bagno andrebbero puliti sempre per una questione di igiene, lavandoci ogni giorno; stessa cosa vale per il tavolo in cucina, il piano cottura e i piatti, cucinando e mangiando si sporcano, per cui sarebbe ottimale rassettare costantemente. 

Al contrario, spazzare e lavare il pavimento, così come spolverare, cambiare gli asciugamani o la biancheria del letto, sono cose che possono essere fatte con meno frequenza, occupando meno tempo. Ricordiamo, però, di darci sempre una scansione. Per cui, se l'abbiamo fatto di martedì, non dimentichiamo di farlo il martedì successivo, saremo certi di non avere un'incombenza in più di cui c'eravamo dimenticati. Per pulire più a fondo, invece, spostando mobili, divani e occupandosi di porte, finestre e lampadari, aspettiamo che passi più tempo.

Sfruttiamo al massimo ogni istante disponibile

Sfruttiamo al massimo ogni istante disponibile

Karolina Grabowska/Pexels

L'importante abbiamo detto più volte che è la schematicità. Ottimizzare il tempo, però, vuol dire anche riuscire a sfruttare ogni istante. Per cui se siamo intenti in una conversazione al telefono e vediamo che la nostra scrivania da lavoro è impolverata, approfittiamo di quei pochi attimi per rimetterla in ordine. Oppure potremmo stendere il bucato, o ancora svuotare la lavastoviglie, stando attenti a non fare troppo rumore. Inseriamo piccoli compiti tra un impegno e l'altro e vedremo che avremo meno cose da fare tutte insieme. E poi rendiamo piacevoli i nostri momenti di pulizia, magari ascoltando un po' di musica, così che non diventi ancora più pesante farlo.

Desiderosi ancora di un consiglio? Non puliamo lasciandoci andare al caso, ma pensiamo prima di agire. Se faremo le pulizie in modo ordinato, non rischieremo di dover dedicare il doppio del tempo alle cose. Dunque, puliamo dall'alto verso il basso e mai il contrario. La polvere tende a cadere, per cui sarebbe solo un modo per perdere tempo e la fatica già fatta.

Cerchiamo anche di essere ordinati sempre, non solo mentre sfaccendiamo. Non lasciamo scarpe, borse, cappotti, vestiti e oggetti di ogni tipo in giro per casa, ma rimettiamoli sempre al loro posto dopo averli utilizzati.

La quiete dopo tanto lavoro...

A questo punto abbiamo tutte le carte in regola per rimettere in ordine la nostra casa da single, nel minor tempo possibile e con poco sforzo. Mettiamoci all'opera e, appena terminato, concediamoci un momento di relax tutto nostro.

Advertisement