Qual è il momento migliore per seminare il prato? Scopriamolo con i consigli degli esperti

Laura Ossola image
di Laura Ossola

03 Dicembre 2023

Qual è il momento migliore per seminare il prato? Scopriamolo con i consigli degli esperti
Advertisement

Chiunque abbia la fortuna di avere un giardino in casa desidera potersi godere il suo spazio all'aperto non solo grazie all'ombra degli alberi e alla colorata vivacità delle piante fiorite, ma anche grazie al verde brillante di un lussureggiante prato ben curato.

Un prato dall'aspetto gradevole tuttavia non può crescere se non ricevere le giuste attenzioni da parte nostra e ottenerlo può essere un compito davvero faticoso, se non se ne conoscono le caratteristiche. 

Tra i diversi passaggi necessari alla realizzazione di un prato verde, la semina è uno di quelli fondamentali, perché necessaria a cominciare la propria impresa nel modo giusto. Innanzi tutto è importante scegliere le sementi giuste per il nostro gusto personale, le nostre esigenze e la nostra area climatica di appartenenza. 

In secondo luogo, occorrerà seminare il nostro prato nel momento giusto per accertarci che la germogliazione e la successiva crescita avvengano senza intoppi. La scelta del periodo migliore dipenderà da diversi fattori quali il tipo di seme prescelto, le condizioni climatiche dell'area destinata alla semina, il tempo a nostra disposizione. 

Quando è dunque il momento migliore per seminare il prato? Per rispondere a questa domanda occorre tenere presenti 3 parametri.

Advertisement

1. Tipologia di sementi

1. Tipologia di sementi

pursuit_happiness/Reddit

Occorre innanzi tutto saper fare una distinzione tra le diverse tipologie di sementi, dal momento che ciascuna avrà le sue esignenze specifiche. Esistono due tipi fondamentali di erbe da prato:

  • Microterme: sono quelle piante che ben sopportano il freddo invernale, non tollerando invece il caldo e sopravvivono anche a temperature inferiori ai 14 gradi. Ne sono un esempio la poa, la festuca arundinacea, il loietto.
  • Macroterme: sono invece le piante che necessitano di temperature superiori per sopravvivere; la loro temperatura ottimale di crescita si aggira intorno ai 25/35 gradi, rallentano la crescita sotto i 20 gradi e la arrestano sotto i 10. Ne sono degli esempi la gramigna, la bermudagrass e la zoysia.

Advertisement

2. Temperatura

2. Temperatura

MarcusObal/Wikimedia Commons

Il momento corretto della semina del prato può essere scelto in funzione della temperatura, che deve essere ideale per garantire la corretta e completa germinazione della pianta e anche un adeguato sviluppo delle radici. La temperatura del terreno durante la fase di germinazione per le piante microterme deve essere superiore a 10 gradi e per questo motivo i momenti migliori per la semina sono la primavera intorno a marzo/aprile e l'autunno a settembre/ottobre, quando le temperature del terreno si sono stabilizzate su livelli superiori ai 10 gradi e non si corre il rischio di gelate tardive o precoci.

Per le piante macroterme, invece, la temperatura necessaria al corretto sviluppo si alza fino a e per questo motivo sarebbe preferibile effettuarla in tarda primavera, a fine maggio, oppure a inizio autunno.

3. Irrigazione

3. Irrigazione

PxHere

Anche l'irrigazione è infine un elemento fondamentale di cui tenere conto quando si semina. Effettuate la semina del vostro prato in una stagione dove non vi siano piogge eccessive, che potrebbero danneggiare le sementi. L'irrigazione deve mantenere il terreno sempre umido ma mai bangato e occorre dunque saperla dosare sapientemente per garantire sempre il benessere del nostro prato.

Oltre a questi semplici accorgimenti, vi ricordiamo che non si può calpestare l'erba nel momento in cui sta crescendo e dunque sarnno necessarie misure di contenimento per evitare che qualcuno ci cammini sopra. 

Siete pronti ad avere un prato meraviglioso?

Advertisement