Perché non dovresti mai lasciare i piatti in ammollo nel lavandino

Angelica Vianello image
di Angelica Vianello

25 Febbraio 2024

Perché non dovresti mai lasciare i piatti in ammollo nel lavandino
Advertisement

Quelle volte che non c'è motivo di riempire la lavastoviglie, o magari la lavastoviglie proprio non c'è in cucina, e quindi mettiamo i piatti sporchi nel lavandino, dimenticandoli fino a sera - o per giorni. Succede a molti, e spesso, ma non è un'abitudine da mantenere, anzi è decisamente da eradicare. Sebbene capiti a tutti di non avere tempo o voglia, subito dopo aver finito di cucinare o mangiare, di rimanere in piedi a sgrassare di tutto, l'idea di rimandare al giorno dopo è deleteria per l'igiene della casa, quindi per la nostra salute. E nemmeno possiamo sfruttare la carta del "tengo tutto in ammollo col sapone", perché non ci mette al sicuro dai rischi.

Advertisement

Perché non dovremmo mai lasciare i piatti sporchi a lungo nel lavandino?

Perché non dovremmo mai lasciare i piatti sporchi a lungo nel lavandino?

ryan lee/lakeland-furniture (via Flickr)

Quanto più a lungo lasciamo i piatti nel lavandino, tanto più i microbi prolifereranno su di essi, soprattutto quando lasciamo piatti, posate, pentole, teglie e stoviglie varie a farsi il bagnetto in acqua. Praticamente stiamo cucinando una zuppa di germi e batteri, e gli stiamo dando tutte le risorse per diventare tanti, forti e pronti ad andare a zonzo per la cucina.

Pensiamo a tutte le superfici che sono venute a contatto con cibi crudi, come carne, pesce, uova: lì, ad esempio, potremmo creare il palcoscenico perfetto per lo show di batteri come E. Coli o Salmonella. Quindi non solo piatti, ma anche lame dei coltelli e taglieri.

Bisogna lavare il prima possibile, con sapone e magari anche aiutandosi con un po' di aceto o persino un goccio di acqua ossigenata, così eliminiamo il problema.

Anche frutta, verdura, latticini o le nostre mani e tutto quello che vive nelle tubature: se non laviamo e sgomberiamo spesso il lavello, i pochissimi batteri che ci sono appena mettiamo un piatto sporco nel lavandino hanno modo di moltiplicarsi velocemente.

Advertisement

Quali sono, allora, le abitudini da avere?

Quali sono, allora, le abitudini da avere?

ryan lee/lakeland-furniture (via Flickr)

Lo sappiamo già, anche se ci piace ignorarlo: non importa quanto siamo stanchi, anche di sera, bisogna lavare quanto prima i piatti. Aiutatevi subito con acqua calda per eliminare lo sporco unto o grasso prima che si asciughi e diventi difficile da togliere. Si ottimizzano i tempi usando una vasca (o una bacinella, se non abbiamo il lavandino a due vasche), in cui mettiamo tutte le stoviglie sporche, poi una ad una le insaponiamo e strofiniamo, facendole finire nella vasca del lavandino, e poi si sciacquano per bene una dopo l'altra.

E se li abbiamo lasciati per qualche ora?

... O per tutta la notte? Ebbene, lì potremmo dire che "il danno è fatto". Quindi, oltre a lavare, dovremo probabilmente anche pretrattare le stoviglie, così da riuscire davvero a togliere lo sporco che si è seccato su di esse.

Riempite quindi il lavandino, o una bacinella capiente, con acqua calda e aggiungeteci un bicchiere di aceto e qualche goccia di sapone per piatti, mescolate, e infilateci le stoviglie - dalle quali, però, dovrete cercare di togliere i residui più grandi di cibo. Dopo 10-15 minuti, lo sporco dovrebbe già essersi ammorbidito, altrimenti aspettate ancora.

Lavate con estrema cura le stoviglie, aggiungendo una spruzzata di acqua ossigenata sulla spugnetta con cui strofinate, ogni tanto. Sciacquate per bene e poi procedete a igienizzare anche il lavandino. Anche per quello potete aiutarvi con acqua calda e aceto, oppure con bicarbonato e acqua ossigenata. Ricordate di farne scendere un po' anche nello scarico (con acqua molto calda) e di non tralasciare la pulizia anche della rubinetteria.

Ultimo step: igienizzate le spugnette o panni. Valgono i soliti metodi: microonde, candeggina, acqua ossigenata, bicarbonato... Quello che usate di solito dovrebbe andare bene.

Insomma, visto che diventa un tale stress arginare la colonia di microbi, meglio prevenire, no?

Advertisement