Attenzione agli Psichidi: questi insetti maestri di camuffamento possono danneggiare le tue piante - Creativo.media
x
Attenzione agli Psichidi: questi insetti…
Vecchi bidoni del latte riciclati: sono fantastici per decorare il giardino Shampoo anti-giallo fai da te: la ricetta è semplice ed economica

Attenzione agli Psichidi: questi insetti maestri di camuffamento possono danneggiare le tue piante

12 Giugno 2022 • di Angelica Vianello
1.854
Advertisement

Presenti un po' in tutto il mondo, gli Psichidi (Psychidae) sono un tipo di lepidotteri che causano molti danni alle piante. Quando sono adulti non si distinguono da tante altre farfalle che ci capita di vedere in natura, mentre le larve sono più riconoscibili... Se si sa cosa guardare! Sono infatti animali estremamente abili nel camuffarsi, e talvolta solo quando sono presenti in grandi numeri ci si rende conto del problema.

Le larve adulte possono spogliare gli alberi di tutti i loro aghi e foglie, e spesso quando si capisce cosa ha provocato il deperimento della pianta è troppo tardi per salvarla. Leggete oltre per scoprire di più su questi insetti e su come evitare che danneggino le vostre piante.


Riconoscimento

immagine: Commons Wikimedia

Se cercate questi animali online è più facile che troviate tante foto di mucchi di legnetti e foglie, piuttosto che di qualcosa che sembri un insetto. Questo perché gli psichidi hanno la capacità di camuffarsi quando sono ancora delle larve in bozzolo.

Il bozzolo di seta che protegge l'animale in via di sviluppo ha una forma affusolata ed è coperto da rametti, pezzi di corteccia, di foglie e qualsiasi altro materiale utile si trovi sulla pianta alla quale si attacca. Possono essere lunghi circa 3-5cm.

Una volta che poi il lepidottero cresce, nel caso dei maschi diventa una specie di ape dal corpo peloso, mentre le femmine rimangono sempre allo stato larvale, persino senza ali. Ed è la larva (giovane maschio o femmina anche adulta) che danneggia la pianta: per nutrirsi, infatti, si cibano proprio delle foglie, talvolta tirando fuori dal bozzolo solo le zampe anteriori e testa in modo da spostarsi e continuare a mangiare.

Le uova si schiudono verso la fine della primavera in genere, e la larva comincia a cercare cibo. Durante l'estate continuano a nutrirsi fino a diventare mature intorno ad agosto. Da quel momento, per circa un mese, si richiudono nel bozzolo e diventano pupe. All'inizio dell'autunno avviene l'accoppiamento, poi le femmine depongono le uova e aspettano dentro al bozzolo fino alla primavera seguente di potersi schiudere.

Come eliminarli

immagine: Commons Wikimedia

Ci sono diversi modi per affrontare il problema:

  • Rimozione manuale: se la pianta si trova attaccata solo da pochi esemplari visibili, indossate dei guanti e staccateli manualmente non appena li notate. È efficace soprattutto dall'autunno all'inizio della primavera.
  • Sfruttate i predatori: introducete nemici naturali degli psichidi, come il Bacillus thuringiensis, cioè un batterio sporigeno da acquistare e somministrare secondo le indicazioni delle confezioni; attirate uccelli in giardino, soprattutto i corvi che si nutrono delle larve. Per attirare questi animali dovete inserire delle vaschette per l'abbeveraggio e il bagno, lasciare piante alte e folte (siepi e alberi) in cui possano nidificare, e lasciar loro luoghi dove ripararsi (anche cataste di rami).
  • Insetticidi chimici: quelli che funzionano devono contenere malatione, diazinone o carbaril. Vanno applicati sulla pianta e sono efficaci sulle larve giovani, quindi alla fine della primavera. Seguite sempre con attenzione tutte le indicazioni dei produttori.

Vi è già capitato di incontrare gli psichidi in giardino?

Tags: AnimaliNaturaGuide
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie