Le dritte utili per far crescere al meglio e più a lungo possibile le vostre piante di basilico - Creativo.media
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le dritte utili per far crescere al…
Il metodo economico e fai-da-te per preparare un efficace detersivo anti-calcare 7 lavoretti facili e veloci da realizzare insieme ai bambini per stimolare la loro creatività

Le dritte utili per far crescere al meglio e più a lungo possibile le vostre piante di basilico

Di Angelica Vianello
35.480
Advertisement

Il basilico è una delle erbe aromatiche più utilizzate in cucina: dal pesto al perfetto coronamento di pizza e sughi, infatti, soprattutto durante l'estate ritroviamo le foglie fragranti di questa pianta in tanti piatti, e magari ci viene voglia di coltivarne una o più piantine in un vaso o nell'orto.

Poiché il basilico ama molto il caldo, è raro che sopravviva con l'arrivo delle temperature più rigide dell'autunno, ma finché c'è abbastanza sole e non troppi sbalzi termici, possiamo far prosperare le nostre piante, magari anche sbizzarrendoci tra le tante varietà esistenti: basta prendersene cura nel modo giusto.

immagine: pixnio.com

Terreno: il terreno in cui faremo crescere le nostre piante di basilico deve essere molto ricco ma anche ben arieggiato. Il basilico, infatti, vuole essere annaffiato spesso (non sopporta periodi di siccità prolungati) ma teme moltissimo i ristagni d'acqua. Quando acquistate una piantina, inoltre, estraetela dal vaso per vedere se le radici si siano già impossessate di tutto il terreno disponibile: in quel caso la pianta ha bisogno di essere spostata in un vaso un po' più grande o anche messa a terra. Se la mettete a terra, lavorate il terreno in modo che le radici possano "sfogarsi" senza restrizioni.

Clima ed esposizione: sotto ai 10° il basilico non resiste, quindi può essere coltivato solo in periodi e luoghi in cui le temperature siano sufficientemente alte. Sistematelo al sole, e lo potrete veder prosperare fino alla fine dell'estate.

Irrigazione: controllate quotidianamente la pianta, o almeno non dimenticatela per più di due o tre giorni. Non appena il terreno si asciuga è il momento di innaffiare nuovamente.

Quando è pronto da consumare? Differentemente da quanto molti credono, è bene non  mangiare le foglie di basilico di piante troppo giovani. Tendenzialmente si consiglia infatti di aspettare fino a un mese dalla messa a dimora, o almeno finché le piantine non abbiano raggiunto i 20 cm di altezza.

Cimate i rami fioriti. Spuntare i rami fioriti permette che la pianta continui a produrre foglie tenere e profumate, accestendosi notevolmente invece di spigare. Se però voleste godervi qualche fiore e magari anche raccogliere i semi da piantare la primavera successiva, lasciate almeno che uno o due rametti continuino a crescere.

Se avete successo con la coltivazione del basilico (e di altre piante aromatiche), scoprite come raccoglierle ed essiccarle per farne scorta tutto l'anno.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie