Chiodi nel terreno: funzionano davvero per nutrire le piante? Scopri come dare loro il ferro necessario - Creativo.media
x
Chiodi nel terreno: funzionano davvero…
Gli errori più comuni da evitare nell'arredo di casa Pavimenti in graniglia di marmo? Scopri come pulirli e lucidarli al meglio!

Chiodi nel terreno: funzionano davvero per nutrire le piante? Scopri come dare loro il ferro necessario

23 Gennaio 2022 • di Angelica Vianello
1.125
Advertisement

Uno dei miti più longevi e popolari nel mondo del giardinaggio è quello secondo il quale sotterrare dei chiodi arrugginiti attorno alle piante contribuisce ad arricchire il terreno di ferro, un elemento di cui hanno certamente bisogno e che in certi casi, se presente nella percentuale adatta, determina anche una variazione del colore dei fiori. Esistono mille aneddoti, addirittura ricette secondo cui infilando dei chiodi di ferro in un limone questo li farebbe arrugginire e quindi poi estrarre l'ossido di ferro che servirebbe alle piante.

Il problema di queste teorie è che l'ossido di ferro è una sostanza del tutto insolubile, quindi se finisce nel terreno non c'è modo che le piante possano "nutrirsene". I chiodi, perciò, non servono a niente. Allora come fare per correggere la mancanza di ferro nel terreno?

In realtà è molto raro che le piante siano carenti di ferro, ma qualora vi rendeste conto che esiste l'esigenza di aumentare la percentuale di questo elemento nel terreno, dovreste cercare di ridurre il pH del terreno stesso. Infatti, se quello è alcalino (pH superiore a 7) il ferro c'è ma legato alle altre particelle in maniera tale che le piante non possono assorbirlo.

Come capiamo se le piante hanno carena di ferro? Quando succede si manifesta un sintomo abbastanza riconoscibile: le foglie ingialliscono, tranne che sulle venature (è la cosiddetta clorosi ferrica). 

Quindi, per ridurre il pH e rendere un po' più acido il terreno potete:

  • aggiungere zolfo (usando prodotti specifici, come certi fertilizzanti, che ne siano ricchi);
  • mescolare il terriccio con lo sfagno, che si acquista in grandi sacchi nei garden center o online;
  • spruzzare una soluzione di solfato di ferro direttamente sulle foglie (si trova confezionato, e dovrete seguire le dosi indicate sulla confezione, anche riducendo la concentrazione consigliata)
  • annaffiare il terreno attorno al colletto della pianta con una soluzione di chelato di ferro (anche questo si può trovare in commercio e vale quanto detto per il solfato di ferro).

Purtroppo è uno di quei casi in cui il rimedio fai-da-te non può aiutare, ma fortunatamente in commercio si possono facilmente reperire le medicine" adatte per far tornare in forma le nostre piante!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie