Cappotto di montone sintetico: puoi pulirlo anche a casa con qualche semplice metodo fai-da-te

Angelica Vianello

17 Gennaio 2023

Cappotto di montone sintetico: puoi pulirlo anche a casa con qualche semplice metodo fai-da-te
Advertisement

Ci sono indumenti che diventano davvero indispensabili quando le temperature di abbassano troppo, come certi cappotti comodi e caldi di cui non riusciamo a fare a meno ogni inverno. Alcuni di essi sono facili da lavare anche a casa, altri che magari invece sono realizzati con tessuti o materiali delicati devono essere trattati da professionisti. Ma che dire del caso di un cappotto di montone sintetico? Non è un pellame vero, ma ha comunque un lato scamosciato all'esterno - e sappiamo che si tratta di un materiale che si macchia e si rovina facilmente - e di uno con pelliccia all'interno - anch'esso da trattare nel modo giusto per mantenerlo morbido e confortevole.

Di certo, se ci si può recare in qualche lavanderia che faccia lavaggi a secco, ci si toglie il problema. Ma se le etichette del capo in questione indicano la possibilità di lavarlo anche con acqua, magari a mano, allora si può ricorrere a qualche metodo da provare anche in casa.

Advertisement

Creativo

Prima di lavare, è sempre bene spazzolare con cura il capo, così da far sparire tutta la polvere e lo sporco secco che vi si era depositato. Meglio usare delle spazzole apposite per capi scamosciati, o comunque che abbiano setole molto delicate.

Lavaggio a mano

Prima di procedere al lavaggio del cappotto per intero, fate sempre una prova su una piccola porzione, per vedere come ne riesce. 

Quali saponi usare: bisogna sempre propendere per detergenti molto delicati. C'è chi usa sapone di Marsiglia o Castiglia, spesso mescolati con un po' di bicarbonato di sodio e di carbonato di sodio. Potete provare quindi a sciogliere, in mezzo litro di acqua calda, un paio di cucchiai di sapone con un cucchiaio ciascuno di carbonato e bicarbonato di sodio. Mescolate bene, fate raffreddare e poi usate un panno morbido o una spugnetta appena intinti (e strizzati), da passare sulle macchie. 

Se la situazione è più seria, e dovete lavare proprio tutto il capo, allora potete provare a immergerlo in una bacinella con acqua tiepida cui avrete aggiunto la mistura pulente indicata. Per strofinare sui punti più sporchi, fate con delicatezza.

Online, inoltre, si trovano testimonianze di chi usa una goccia di shampoo per lavare le macchie e aloni da questo tipo di cappotti. Di nuovo, provate il rimedio sempre prima su un pezzetto del montone.

Fate asciugare all'aria, preferibilmente, e stendendo di piatto. Per assorbire l'umidità in eccesso prima di stende, fate come si consiglia spesso per maglioni di lana: avvolgete e premete il capo tra un paio di asciugamani asciutti e puliti.

Lavaggio in lavatrice

Questo tipo di lavaggio è sempre un po' più rischioso, ma non raro. Se volete provare, abbiate cura sempre di assicurarvi che il capo possa essere lavato, e usate esclusivamente i programmi per i capi delicati. In particolare, bisogna usare acqua fredda. Come detersivo, potete usare uno per delicati, o anche uno preparato da voi a base di bicarbonato di sodio, carbonato di sodio (un cucchiaio ciascuno) e un po' di un detergente enzimatico (un cucchiaino colmo).

Lavate il capo da solo nel cestello, o al massimo con un altro simile (se non significa sovraccaricare la lavatrice), e ricordate di capovolgerlo da rovescio, in modo che la parte scamosciata sia all'interno.

Potete asciugare come indicato prima o anche provare a usare l'asciugatrice: in questo caso aggiungete le palline che si usano per la lana, scegliete il programma più delicato e la temperatura più bassa possibile, e azionate l'apparecchio per 15 o al massimo 30 minuti, poi fate finire di asciugare all'aria.

Avete già provato a lavare i vostri cappotti di montone sintetico in casa?

Advertisement
Advertisement