Le dritte da seguire e gli errori da evitare per tosare il prato nel modo migliore - Creativo.media
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le dritte da seguire e gli errori da…
I rimedi fai da te per eliminare il calcare dalla lavatrice con metodi naturali Il metodo fai da te facile ed economico per pulire lo sportello del forno con doppio vetro

Le dritte da seguire e gli errori da evitare per tosare il prato nel modo migliore

Advertisement

Occuparsi del prato per poter godere di un manto erboso folto, sano e bello a vedersi significa dedicargli cure costanti. Arieggiare, scarificare, togliere erbacce sono tutte pratiche che chi si prende cura dei prato di casa conoscerà. Ma ci sono anche una serie di accortezze che forse non tutti tengono sempre a mente.

Qual è il momento migliore della giornata per tagliare l'erba? Quanto spesso è bene falciare il prato? Scoprite qualche consiglio che potrebbe aiutarvi a migliorare l'aspetto dei vostri prati.

immagine: Pixabay
  1. Evitate di falciare l'erba durante le ore più calde della giornata. Tra le 10 di mattina e le 2 del pomeriggio (o anche fino alle 5 o le 6 di pomeriggio nelle stagioni più calde) è bene non tagliare l'erba, che perderebbe molta acqua, impiegando molto più tempo a riprendersi.
  2. Non tagliate l'erba ancora bagnata. È bene evitare di passare il tosaerba sul prato bagnato: è un processo che inibisce la crescita e aumenta la possibilità di compattazione del suolo, cosa che indebolisce l'erba. È anzi bene che il terreno sia arieggiato il più possibile.
  3. Cambiate direzione di taglio. Ogni volta che fate il prato, cercate di muovere il tosaerba in direzioni diversa dalla precedente, così che alla lunga il taglio rimarrà tendenzialmente più paro.
  4. Non tagliate mai il prato troppo corto: soprattutto quando fa caldo, si espone il terreno al calore ancora di più, indebolendo le piante e lasciando più spazio per le erbacce. L'ideale è eliminare un terzo dell'altezza dell'erba.
immagine: Ivan Radic/Flickr
  • 5. Tenete sempre ben affilate le lame del tosaerba, altrimenti l'erba verrà sfilacciata, indebolendosi ed esponendosi di più al rischio di malattie.
  • 6. Non tosate l'erba troppo spesso. Non c'è bisogno di tagliare il prato lo stesso giorno di ogni settimana: saranno le condizioni atmosferiche e il ritmo di crescita dell'erba a determinare il momento giusto in ogni stagione.
  • 7. Diradate le falciature nei punti sotto agli alberi: l'erba che cresce sotto agli alberi riceve meno luce e deve "competere" con le radici di questi per ottenere i nutrienti, quindi cresce più lentamente e meno folta. È bene non stressarla spesso.
  • 8. Non andate di fretta: anche se avete poco tempo a disposizione, è meglio muovere il tosaerba con calma, per assicurarsi un lavoro più preciso e completo, oltre che meno stress per il manto erboso.
  • 9. Lasciate lo sfalcio a terra: se falciate spesso, la parte tagliata sarà davvero piccola e sottile, quindi in poco tempo diventerà praticamente invisibile, e rimanendo sul suolo riduce la perdita di umidità e protegge il terreno dal calore, oltre a fornire nutrienti utili per la terra stessa.

Buon giardinaggio!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie