Vuoi scolpire gli addominali bassi? Prova degli esercizi per tonificare il basso ventre - Creativo.media
x
Vuoi scolpire gli addominali bassi?…
Usa scampoli di stoffa per confezionare un fantastico tappeto personalizzato! Troppa schiuma nella lavatrice o sul bucato lavato? Scopri perché e come rimediare

Vuoi scolpire gli addominali bassi? Prova degli esercizi per tonificare il basso ventre

06 Maggio 2022 • di Angelica Vianello
4.855
Advertisement

Per moltissimi di noi uno dei punti più difficili da snellire e scolpire è il basso ventre. Anche camminando, correndo o andando in bici abitualmente - attività che comunque dovrebbero essere integrate nella routine settimanale o meglio anche giornaliera di tutti - infatti, non è detto che anche il grasso di troppo che vediamo sulla pancia sparisca. Se l'obiettivo è quello di scolpire quella parte del corpo, dunque, si dovranno fare esercizi mirati per i cosiddetti addominali bassi.

In realtà gli addominali sono un fascio unico di muscoli, ma è vero che ci sono esercizi che riescono ad agire più specificamente sulla zona del basso ventre. Di seguito ve ne proponiamo quattro che si possono fare anche a casa.


Bicicletta

  1. Mettetevi sdraiati supini sul tappetino
  2. Sollevate le gambe in modo da creare un angolo di 90° con gli stinchi paralleli al pavimento
  3. Mettete le braccia dietro alla nuca
  4. Piegate alternativamente una gamba portando il ginocchio verso il petto mentre l'altra si distende.
  5. Contemporaneamente, sollevate il busto in modo da toccare quasi il ginocchio con il gomito opposto.
  6. Fate l'operazione inversa
  7. Ripetete la serie una ventina di volte.

Se questo esercizio sembra troppo pesante all'inizio, i primi giorni potete anche solo stare distesi, tenendo i fianchi fermi con le mani, mentre imitate il movimento della pedalata con le gambe in aria. Andate avanti per quanti più secondi o minuti potete, anche lentamente.

Sollevamento delle gambe

  1. Cominciate sdraiati supini sul tappetino con le braccia lungo i fianchi, i palmi a terra
  2. Le gambe, inizialmente distese con le punte allungate, dovranno essere sollevate quanto più possibile, facendo perno proprio con i muscoli dell'addome e dell'inguine, senza sollevare il bacino o il torso da terra.
  3. Portate le gambe unite quanto più in alto potete, lentamente. L'ideale è arrivare a creare un angolo di 90° con il torso, portando le gambe in verticale rispetto al pavimento.
  4. Appena raggiungete l'altezza massima tornate ad abbassarle: tutti questi movimenti devono essere lenti e misurati, senza strappi improvvisi.
  5. Ripete 20 volte.
Advertisement

Sforbiciata

  1. Iniziate supini ma con le braccia allargate sul pavimento per avere maggiore stabilità.
  2. Portate le gambe in alto come per il sollevamento dell'esercizio precedente, poi però abbassatene una sola arrivando a formare un angolo di circa 45° col pavimento.
  3. Nel frattempo, l'altra invece si alza un po' di più.
  4. Invertite il movimento, proprio a imitare le due lame delle forbici che si separano e si avvicinano
  5. Ripetete per 20 volte.

Tenere le gambe sollevate (leg raise hold)

Questo è un esercizio isometrico di resistenza

  1. Cominciate come per il sollevamento delle gambe: stavolta però i piedi sono da tenere a martello
  2. Tenendo le gambe tese, sollevatele di poco dal pavimento, senza muovere il torso da terra.
  3. Mantenete questa posizione facendo forza sugli addominali quanto più a lungo potete, poi riportate con calma le gambe a terra.
  4. Dopo un po' di riposo potete provare a replicare il movimento, senza esagerare all'inizio e poi incrementando pian piano la resistenza.

Sono esercizi semplici ma che sapranno farci faticare, e dopo un mese si notano in genere già i risultati.

Fate sempre attenziona a eseguire qualsiasi esercizio con molta calma, fermandovi se sentiste dei dolori o fastidi indesiderati.

Tags: SportBenessereSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie