Cocciniglia sulle tue piante? Scopri come salvarle con metodi semplici - Creativo.media
x
Cocciniglia sulle tue piante? Scopri…
Devi pulire le zanzariere? Ti spieghiamo come farlo senza smontarle Un paio di calzini per deodorare le scarpe: scopri questo metodo facile ed economico

Cocciniglia sulle tue piante? Scopri come salvarle con metodi semplici

03 Giugno 2022 • di Angelica Vianello
25.001
Advertisement

Coltivare le piante, che siano ornamentali o da orto, significa non solo assicurare che crescano nelle condizioni migliori, ma anche proteggerle spesso da animali e parassiti. Un tipo di insetti che spesso danneggia le piante e se non eliminato le porta alla morte è la cosiddetta cocciniglia (o cocciniglie). Con questo termine si indicano una serie di insetti fitofagi, ovvero quelli che si nutrono della linfa delle piante.

I primi segni che devono far scattare l'allarme sono il deperimento di foglie e fiori che, ad un'ispezione più attenta, sia accompagnato anche dalla presenza di tante formiche o -ancora di più - di concrezioni bianche oppure melata (una sostanza appiccicosa) su foglie, fusti o anche fiori. Le formiche infatti si nutrono di quella melata che viene secreta dalle cocciniglie, e "in cambio" proteggono le larve dei parassiti.

La prima forma di difesa che dobbiamo offrire alla pianta è la rimozione manuale degli insetti e delle formazioni bianche. Poi, si passa a trattare la pianta con saponi insetticidi oppure rimedi fai da te come quelli indicati di seguito.


Con alcol

Se l'infestazione è di piccola entità e presa in tempo, può essere sufficiente usare l'alcol isopropilico al 70% (o anche con una concentrazione minore).

  1. Versate un po' di alcol in una ciotolina di acqua (più o meno in proporzione 50/50, o anche aumentando l'acqua un po')
  2. Intingete un batuffolo di cotone nella soluzione
  3. Strofinate delicatamente ovunque vediate gli insetti e le formazioni bianche. 

Se non siete certi della reazione che avrà la pianta, provate a strofinare questa miscela su un pezzettino di foglia e controllate per due giorni se vi sembra che compaiano segni di bruciatura sulla stessa. Se non succede nulla, potrete procedere al trattamento

In alternativa, alla miscela di acqua e alcol potete aggiungere anche poche gocce di sapone per piatti bio oppure di sapone di Marsiglia e poi versare tutto in una bottiglia spray. Spruzzate quindi il prodotto così preparato sulla pianta e strofinate gentilmente con del cotone. 

Quanto la pianta infestata è un cactus, oppure se gli insetti si trovano su fusti rigidi e legnosi, potete aiutarvi a passare il prodotto anche con un vecchio spazzolino a setole morbide.

Si consiglia di ripetere questi trattamenti due volte a settimana finché non vedrete più segni di cocciniglia.

Quanto ai saponi che potete usare, invece, potete scegliere tra:

  • sapone molle potassico, ovvero quello "giallo della nonna" che però sia composto da solo tre ingredienti, ovvero acqua, un olio vegetale (spesso di cocco) e idrossido di potassio.
  • Sapone di Marsiglia puro, composto di acqua, un olio vegetale e soda caustica.
  • Sapone di Castiglia (miscela di diversi oli vegetali, acqua e soda caustica).

I saponi di questo tipo si diluiscono in acqua (circa 4 cucchiai per litro) e si spruzzando sulla pianta.

Avete mai usato rimedi simili per salvare le vostre piante dalle cocciniglie?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie