Calla: le indicazioni utili per coltivare un fiore simbolo di raffinatezza - Creativo.media
x
Calla: le indicazioni utili per coltivare…
Prodotti per il viso all'anguria: rinfrescanti e lenitivi, puoi prepararli anche in casa con le tue mani Laundry stripping: la pulizia a fondo del tappeto su TikTok che sprigiona uno sporco esagerato

Calla: le indicazioni utili per coltivare un fiore simbolo di raffinatezza

26 Giugno 2022 • di Angelica Vianello
1.485
Advertisement

Difficile dire quale sia il fiore più elegante di tutti, ma probabilmente le calle finirebbero sul podio: anche il loro significato nel linguaggio dei fiori è quello di nobiltà e raffinatezza, e sono bensì simbolo di un'amicizia che si rafforza. Sono originarie del Sud Africa e spesso amate come fiori recisi, ma anche come pianta da coltivare in casa o in giardino fanno un figurone.

Il nome del genere è Zantedeschia, e hanno la particolarità di non avere un fusto: tutta la chioma spunta direttamente dal rizoma sottoterra, e in realtà quello che chiamiamo fiore non è altro che la spata, ovvero una foglia modificata che avvolge e protegge il fiore vero e proprio, quel "pistillo" che si trova al centro. Sono piante piuttosto semplici da coltivare e che vale la pena considerare come valida aggiunta ai propri angoli verdi.


immagine: Pixabay

Le più note sono quelle bianche ma ci sono calle di tanti colori diversi, anche gialle o viola! Quanto alla loro coltivazione:

  • Esposizione e clima: amano climi umidi e non troppo freddi. Dunque dove ci sono inverni rigidi si potranno coltivare avendo l'accortezza di togliere il rizoma dalla terra in autunno (come si fa con le dalie o le begonie), conservarlo in luogo buio e asciutto durante l'inverno, e poi ripiantarli in primavera.
    Amano inoltre la luce, ma non il sole diretto.
  • Irrigazione: deve essere costante e abbondante nel periodo in cui producono foglie e fiori, ma quando le foglie cominciano ad appassire si possono diradare di molto gli interventi.
  • Terriccio: il terriccio deve essere leggero e drenante ma ricco di sostanza organica.
  • Concime: potete somministrarne quando spuntano i fiori, preferendo fertilizzanti liquidi.

Se voleste coltivarle in vaso, considerate di usarne sempre uno piuttosto grande e profondo, evitando di mettere i rizomi sul bordo, dove poi non si riuscirebbe a far arrivare sufficiente acqua.

Sia quelle in piena terra che in vaso vanno pulite delle foglie appassite, che potrebbero veicolare malattie.

Ne esistono di diversi tipi per colori e dimensioni, dunque è bello creare delle composizioni variegate, come pure godere della purezza di tanti fiori bianchi tra le foglie ampie. Vi piacerebbe coltivarle?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie