Cerchi piante che abbiano bisogno di poca acqua? Ce ne sono diverse che richiedono poche cure - Creativo.media
x
Cerchi piante che abbiano bisogno di…
Crea le tue decorazioni di Natale riciclando con fantasia le mollette di legno del bucato Niente più segni delle gocce d'acqua sulle finestre: tienile pulite con questi semplici metodi fai-da-te

Cerchi piante che abbiano bisogno di poca acqua? Ce ne sono diverse che richiedono poche cure

17 Dicembre 2021 • di Angelica Vianello
1.613
Advertisement

Non è sempre facile garantire tutte le cure necessarie alle piante che accogliamo in casa e che quindi facciamo crescere in ambienti non naturali: ricreare le condizioni di luce, umidità e temperatura sufficienti per garantire la sopravvivenza delle diverse specie richiede già una certa attenzione, ma se poi le piante hanno anche una continua necessità di irrigazione, diventa ancora più impegnativo prendersene cura.

Quando manca il tempo per fare ciò, ma non si vuole rinunciare ad avere delle piante in casa, è meglio indirizzare le proprie scelte verso quelle capaci di tollerare la siccità per periodi prolungati. Ricordate che in ogni caso è bene informarsi prima sulle necessità di coltura quanto a esposizione e clima, e una volta assicurato che potete offrire loro le condizioni adatte, non esitate a portarle in casa.

Pianta mangiafumo

La Beaucarnea recurvata è conosciuta anche come pianta mangiafumo per via della credenza secondo cui sarebbero in grado di assorbire il fumo negli spazi chiusi, sebbene in realtà abbiano "solo" la capacità di resistere agli incendi.

Ci sarà bisogno di innaffiare queste piante una volta ogni due settimane circa in primavera ed estate mentre si può arrivare anche a 3 o 4 in inverno; ma se - ogni tanto - capita di dimenticarsene e dare l'acqua un po' più tardi, loro dovrebbero sopravvivere senza problemi grazie alla capacità di immagazzinare acqua. Quanto all'esposizione, sanno adattarsi anche in condizioni di minor luce, sebbene preferiscano un punto più luminoso.

Sedum morganianum

immagine: Commons Wikimedia

È uno dei tipi di sedum più apprezzati, per via dei suo rami spessi e folti di foglie carnose che sembrano dei grandi chicchi verde argento: proprio i suoi rami gli devono il nome inglese di "coda d'asino". Quelle foglie si "sgranano" facilmente, e a volte capita di trovarne qualcuna caduta a terra: basterà raccoglierla e interrarla per far nascere nuove piante.

Innaffiate solo quando il terreno è asciutto, e vedrete che passeranno anche settimane in inverno prima di dover irrigare nuovamente. Amano posizioni soleggiate.

Advertisement

Haworthia

immagine: Pixabay

Ci sono molti tipi di Haworthia, e uno dei più apprezzati è quello che a volte viene paragonato al manto di una zebra per via delle striature delle foglie, che creano un disegno dal contrasto molto scenografico. Quella varietà è la Haworthia fasciata, e sa decorare con gusto qualsiasi spazio, soprattutto i davanzali delle finestre o ripiani bel illuminati. Sono infatti piante sudafricane che amano il sole e temperature che non scendano sotto i 5-10°.

Gasteria Bicolor

immagine: Commons Wikimedia

Una pianta simile all'aloe, cresce lentamente e vive a temperature che siano comprese tra i 10 e i 27°. Se volete godere delle loro sfumature particolari, posizionate le piante in un punto molto luminoso (esposto a sud o ovest) ma senza che siano direttamente raggiunte dai raggi del sole, che farebbero sbiadire le macchie e far virare la colorazione verso il rosso.

Anche in questo caso si innaffia solo quando il terreno si è asciugato, il che d'inverno spesso significa di passare anche un mese o due senza dover irrigare.

Kalanchoe tomentosa

immagine: Commons Wikimedia

Non solo è molto bella a vedersi, ma è anche piacevole da toccare: la Kalanchoe tomentosa, infatti, ha le foglie argentee ricoperte da una delicata e morbida peluria che le fa sembrare quasi un tessuto simile al feltro. Amano la luce, e come le altre succulente indicate prima devono essere innaffiate solo quando il terreno è ben asciutto, dato che non tollerano ristagni d'acqua soprattutto in inverno.

Advertisement

Pietre vive

immagine: Pixabay

Sembrano sassi, ma sono piante, da cui il nome comune della specie Lithops, "pietre vive". Per enfatizzare questa loro caratteristica, anche quando vengono coltivate in vaso in casa, spesso vengono circondate da ciottoli, magari proprio di colori simili a quelli delle piante. Si scherza anche dicendo che hanno bisogno di cure proprio quanto dei sassi. È un'esagerazione ma di certo sono piante di cui ci si può dimenticare anche più che delle altre, se sono state posizionate in luoghi luminosi e con temperature comprese tra 17 e 23 gradi tutto l'anno.

Ricordate che hanno bisogno di spazio: la pianta fuori terra non cresce molto, ma le radici occupano molto spazio.

Quale di queste piante vi piace di più?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie