Non sai che pianta scegliere per arredare? Ce ne sono alcune belle e facili da coltivare - Creativo.media
x
Non sai che pianta scegliere per arredare?…
Manutenzione della casa: scopri i lavori più semplici che puoi benissimo fare da solo Questa artista trasforma pezzi di legno di recupero in splendidi accessori d'arredo

Non sai che pianta scegliere per arredare? Ce ne sono alcune belle e facili da coltivare

11 Maggio 2022 • di Angelica Vianello
6.232
Advertisement

Qualsiasi decalogo di arredamento indica sempre come passo fondamentale per completare l'allestimento di uno spazio l'aggiunta di qualche pianta. È vero che non tutte le case hanno condizioni di luminosità o spazio che permettono un'ampia scelta quanto alle varietà e in certi casi buio e temperature impediscono di coltivare qualcosa con successo.

Ma tranne i casi limite, è sempre possibile trovare una pianta adatta alle proprie esigenze: quelle che chiedono pochissime cure, quelle che si adattano anche a condizioni di minore luminosità, quelle che preferiscono l'umidità... La natura ci offre tante scelte, e oltre alle piante da appartamento più comuni ce ne sono altre che vale la pena scoprire, sempre molto belle e comunque piuttosto semplici da curare.


Aspidistra

La pianta resistente per chi non ha molta luce a disposizione. Originaria della Cina, è presente in tante varietà diverse ma la più comune è Elatior. Ad ogni modo, sono tutte piante eleganti dalle foglie lisce e affusolate. Se la temperatura non scende sotto ai 10° e la stanza è mediamente luminosa (non c'è bisogno di sole diretto), prosperano a lungo senza bisogno di cure costanti. Se però si accumula molta polvere nella camera, sarà necessario ogni tanto pulire le foglie con un panno inumidito di acqua per tornare a farle respirare e lucidarle.

Spesso si mettono nei bagni, dove c'è magari meno luce diretta ma molta umidità: non necessitano infatti di essere innaffiate spesso, ma solo quando il terriccio del vaso è davvero asciutto, quindi beneficiano molto dell'umidità nell'aria.

Tillandsiae

Vi preoccupa l'idea di capire quando innaffiare? Le tillandsiae vi eliminano il problema: non hanno bisogno di terriccio e vivono dell'umidità nell'aria. Per questo sono chiamate anche "piante del vento". Hanno mille forme e colori diversi, magari anche con barbe lunghe che scendono in giù o ciuffi variopinti che svettano in alto, e poiché hanno bisogno di supporti su cui essere sistemate, permettono di arredare in modo super fantasioso: potete metterle dentro a conchiglie, in composizioni di legni o sassi e non solo. 

In natura crescono sugli alberi e sono le foglie che assorbono l'acqua e i nutrienti. Negli ambienti secchi oppure nei periodi di caldo asciutto, quindi, è necessario vaporizzarle con un po' d'acqua con buona regolarità. Quanto all'esposizione, dipende dalle varietà: in genere quelle verdi e dalle foglie più delicate richiedono meno sole, più umidità e un ambiente tendenzialmente fresco; mentre quelle con foglie più rigide di colore grigiastro preferiscono più luce e temperature più alte.

Advertisement

Pilea Peperomioides

È bella e benaugurante, e facile da coltivare. Questa pianta, infatti, è conosciuta anche come "pianta delle monete" per via delle sue foglie rotonde, e questa sua forma così particolare accattivante l'ha resa un vero e proprio trend nell'arredo di interni.

Ama gli ambienti luminosi ma non deve stare a diretto contatto con i raggi del sole. Non vuole nemmeno trovarsi nei pressi di termosifoni e riscaldamenti vari. Quando i rami si allungano comincia ad avere un bellissimo portamento ricadente e per avere una pianta dalla chioma sviluppata in modo omogeneo - se non vi piace che scenda in una sola direzione - ruotate il vaso ogni settimana o ogni due settimane. 

Potete spostarla all'aperto in tarda primavera ma attenzione, non ama le temperature troppo alte (oltre i 30°), quindi tenetela più riparata durante i periodi più caldi.

Viola africana

Anche qualche fiore! Le viole africane non hanno bisogno di molta acqua e sono adatta alla coltivazione in casa, dove possiamo tenerle in condizioni abbastanza costanti. Sono infatti originarie dell'Africa e vogliono posizioni luminose ma non esposte ai raggi diretti del sole, e quanto all'irrigazione chiedono l'accortezza di fare in modo che il terreno rimanga sempre appena umido ma non bagnato, e il terreno deve però essere ben drenante, per evitare ristagni idrici. Gradiscono anche un minimo di ventilazione. Se si notano foglie morte vanno rimosse velocemente. 

Avete qualcuna di queste piante in casa?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie