Gli usi del sapone per i piatti da evitare quando facciamo le pulizie - Creativo.media
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli usi del sapone per i piatti da evitare…
3 usi alternativi delle spezie da cucina scadute, ideali per riutilizzarle in casa Le accortezze migliori per arredare un corridoio stretto e lungo in modo da valorizzarlo al massimo

Gli usi del sapone per i piatti da evitare quando facciamo le pulizie

20 Gennaio 2021 • di Angelica Vianello
1.403
Advertisement

Ogni volta che dobbiamo occuparci delle pulizie di casa ricorriamo a un tipo di detergenti diversi a seconda delle varie superfici da trattare, ma non sempre abbiamo un prodotto specifico proprio per ogni uso e quindi capita di arrangiarsi con quelli più comuni, magari mescolati ad altri ingredienti.

Uno di quelli che può venire in mente di usare in modi alternativi è ad esempio il sapone per i piatti, che sebbene sia efficace in determinati casi, è fortemente sconsigliato su alcune superfici.

immagine: Commons Wikimedia
  • La carrozzeria dell'auto: di certo il detergente per piatti sgrassa e aiuta a rimuovere lo sporco ostinato, ma una soluzione liquida con acqua e questo tipo di sapone può rovinate la finitura della carrozzeria, oltre che essere difficile da sciacquare e quindi incline a lasciare tracce una volta che si asciuga.
  • Vetri e specchi: anche in questo caso di certo il detergente per piatti funziona quanto a rimozione dello sporco, e nemmeno danneggia la superficie, ma diventa fastidioso da sciacquare del tutto, costringendo a perdere molto più tempo del dovuto.
  • Tegami in ghisa: la stagionatura di queste stoviglie le rende ottime per la cottura e delicate quando si tratta di impiegare i metodi tradizionali di pulizia. Non bisogna usare sapone per piatti né spugnette abrasive. Basta ammorbidire le incrostazioni con acqua calda (anche facendola bollire per qualche minuti per quelle più difficili), e poi rimuovere magari con un raschietto per alimenti.
immagine: Commons Wikimedia
  • Pavimenti in legno: è una superficie delicata per cui è preferibile usare prodotti specifici, e non eccedere mai con l'acqua.
  • Tessuti in pelle: altro materiale da trattare sempre con cura, e che deve essere idratato più che aggredito con le sostanze chimiche di un qualsiasi sapone per piatti. Meglio usare detergenti in crema adatti, o anche le lozioni in crema per il corpo. C'è chi però usa una goccia di sapone per piatti sulle scarpe in pelle molto sporche, anche se poi è sempre necessario usare qualche prodotto protettivo e nutriente.
  • Foglie delle piante: ci sono piante da interno con foglie grandi e lucide, su cui si accumula la polvere e la sporcizia, e sebbene è certo che pulirle (con dei panni morbidi) sia benefico per le piante, farlo ricorrendo a qualsiasi tipo di detergente per la casa, come a volte viene consigliato, è invece deleterio.
  • Interazione con altri agenti: una regola d'oro nelle pulizie è non mescolare mai sostanze chimiche (a volte anche alcuni ingredienti che abbiamo in cucina) tra loro, e questo vale anche per il sapone per piatti, che in particolare non deve entrare in contatto con candeggina o ammoniaca.
Tags: TrucchiUtiliFai da te
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie