Come igienizzare un tagliere di legno con rimedi fai-da-te - Creativo.media
x
Come igienizzare un tagliere di legno…
Piante a forma di cuore per San Valentino: 7 adorabili idee regalo da realizzare all'uncinetto Supporti per smartphone e tablet fai-da-te? Realizzane di morbidi e colorati con l'uncinetto

Come igienizzare un tagliere di legno con rimedi fai-da-te

29 Gennaio 2022 • di Angelica Vianello
1.121
Advertisement

I taglieri di legno vengono a contatto con tanti cibi diversi e devono essere puliti in modo approfondito occasionalmente. Poiché il legno è naturalmente poroso, assorbe tutti i succhi degli alimenti che vi tagliamo sopra, e anche se lo puliamo regolarmente è inevitabile che delle tracce rimangano tra le fibre.

Come fare dunque per igienizzarlo a dovere? Si tratta di una pratica che risulta abbastanza aggressiva per il legno, e accorcia la vita del tagliere, ma ci sono metodi fai-da-te per occuparsene. Ve ne indichiamo alcuni di seguito.


immagine: Commons Wikimedia

L'esigenza di igienizzare si presenta in realtà solo quando il tagliere è stato usato per tagliare carne o pesce crudo: i batteri dovranno essere eliminati, e quindi bisogna ricorrere alle maniere forti. Tendenzialmente, è meglio avere dei taglieri di metallo per questo tipo di lavorazioni, in modo da usare il legno e la plastica per tutti gli altri cibi. Anche i taglieri fatti con materiali plastici, infatti, si riempiono di batteri nelle fessure provocate dalle lame, sebbene sia sempre un po' più facile pulirli a fondo che non quelli di legno. 

Quando arriva il momento di igienizzare potete:

  • Usare la candeggina: attenzione, ne serve davvero pochissima. Riempite una bacinella o la vasca del lavandino con 4 litri di acqua calda, versateci un cucchiaio solo di candeggina e lasciate il tagliere in ammollo per 5-10 minuti, poi sciacquate per bene. Se volete potete anche lavare con sapone delicato per piatti e sciacquare di nuovo con acqua calda. Asciugatelo per bene e usatelo quando davvero non c'è più traccia di umidità.
  • Usare l'aceto bianco oppure acqua ossigenata: mescolate una parte di aceto o acqua ossigenata e quattro di acqua, e seguite lo stesso procedimento indicato per la candeggina.
  • Una volta al mese potete usare un metodo un po' più delicato: cospargere il tagliere di sale e poi strofinare il sale con un mezzo limone, come fosse una spugnetta. Fatelo su entrambi i lati, aspettate 5 minuti, ripulite il tutto con una spugna, sciacquate e asciugate.

Per lavare abitualmente il tagliere:

  • Strofinate del sapone per piatti delicato (anche di Marsiglia va bene, o quello antibatterico) con una spazzola di quelle per lavare i piatti, o anche una spugnetta (usandola dal lato non abrasivo), e poi sciacquate abbondantemente con acqua molto calda. Ripetete il passaggio con spazzola o spugna e sciacquate di nuovo. Agite in particolare dove ci sono tagli e fessure.
  • Ricordate di lavare i taglieri di legno sempre da entrambi i lati, così che poi non si si evita di bagnare troppo un solo lato, cosa che poi deformino durante la fase di asciugatura.
  • Asciugate il più possibile con un panno asciutto e lasciate scolare tenendo il tagliere in verticale.

Buon lavoro!

Tags: TrucchiUtiliFai da te
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie