Pavimento laminato: scori di più sulla migliore alternativa al parquet classico - Creativo.media
x
Pavimento laminato: scori di più sulla…
Mille profumi in giardino: scopri le piante dalle fragranze più irresistibili per il tuo angolo verde Devi lavare le pareti intonacate? Scopri qualche dritta utile per farle splendere

Pavimento laminato: scori di più sulla migliore alternativa al parquet classico

11 Giugno 2022 • di Angelica Vianello
702
Advertisement

I pavimenti di legno hanno un fascino irresistibile: una bellezza indiscutibile e senza tempo, che conferisce eleganza e calore a qualsiasi abitazione e sa abbinarsi a ogni stile d'arredo. Tradizionalmente, per pavimento in legno si intendeva il parquet le cui assi di legno, a seconda dell'essenza e della messa in posa, danno vita a rivestimenti sempre diversi. Col tempo, però, sono nate anche alternative molto valide e decisamente meno costose.

Se il parquet rimane infatti un tipo di pavimento molto elegante e bello a vedersi, è anche vero che è costoso da installare nonché da mantenere, dato che si rovina facilmente con l'usura. Alcune alternative moderne, invece, come i pavimenti laminati, possono dunque risultare più vantaggiose.

Per pavimenti laminati si intende quelli fatti di pannelli di legno composito, pressato insieme per dar vita a un piano di calpestio resistente e che imita l'aspetto del parquet. Quelli di buona qualità sono anche facili da pulire e più durevoli delle assi di legno massello, il che li rende un'ottima scelta per le stanze che sono più a rischio di umidità nonché quelle esposte al sole diretto.


immagine: pxhere.com

I pavimenti laminati sono divisi in due grandi categorie: quelli indicati dalla sigla DPL (Direct Pressure Laminated, i pavimenti a laminazione diretta, spesso detti anche solamente pavimenti melaminici) e quelli denominati HPL (High Pressure Laminated, cioè prodotti con pressa fissa ad alta pressione). Nella stragrande maggioranza dei casi, in commercio si trovano più facilmente quelli del primo tipo, ma le prestazioni migliori sono assicurati dai secondi.

Per ciascuno, bisogna seguire tutte le guide necessarie quanto all'installazione: se fatta bene (ed è meglio rivolgersi ad esperti), permette di rivestire in legno anche i pavimenti di stanze come la cucina o il bagno dove in genere quel materiale è più suscettibile di deformazioni e usura. C'è persino chi usa il pavimento laminato per rivestire le pareti!

I pavimenti a laminazione diretta (DPL) sono costituiti da quattro stati: uno più in basso di posa che stabilizza tutto il rivestimento, uno centrale (core layer), uno decorativo e poi quello più superficiale che è esposto al traffico. Tutti questi vengono fusi insieme ad alta pressione. È la scelta migliore per le case private.

L'altra tipologia (HPL) include un quinto strato, fatto di carta che viene trattata con resina in modo da renderla rigida e forte. La pressione applicata per unire tutti questi strati è ancora più alta in questo tipo di produzione, e il risultato è un pavimento più duro, che resiste meglio all'umidità, il caldo, l'usura e i graffi. Se ne consiglia l'installazione in luoghi pubblici o edifici commerciali.

immagine: pxhere.com

Altre informazioni utili.

  • Le classi AC: si tratta di una classificazione che misura la resistenza all'usura, e vanno da un minimo indicato come AC1 fino a un massimo di AC6 (che però è riservato ad aree pubbliche trafficate).
  • Lo spessore: i pavimenti laminati hanno uno spessore compreso tra 7mm e 12mm in media. Quanto più sono spessi tanto più saranno adatti alle aree non del tutto piane, così da resistere meglio alle deformazioni provocate dal traffico. Ovviamente, i più spessi assorbono anche meglio il suono. Attenzione a chiedere sempre se lo spessore indicato dal produttore è quello solo degli strati di legno oppure anche della base al di sotto.
  • Ampiezza delle assi: le tavole o assi possono essere di varie dimensioni. Quelle grandi sono molto belle ma anche più difficili da installare di quelle sottili, e possono lasciar percepire dei "vuoti" soprattutto se il piano di calpestio al di sotto non era perfettamente piano. Da un punto di vista estetico, poi si consiglia di usare tavole piccole per le stanze piccole, e più ampie negli spazi con maggior superficie.

Quanto alla finitura, c'è davvero l'imbarazzo della scelta per colorazioni e venature che imiteranno tanti tipi di parquet e pavimenti in legno in genere. Avete già installato di pavimenti laminati in casa?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie