Kakebo: dal Giappone un'ingegnosa tecnica per risparmiare

Assunta Nero

27 Ottobre 2022

Kakebo: dal Giappone un'ingegnosa tecnica per risparmiare
Advertisement

È molto frequente che si cerchi di risparmiare senza riuscirci, o almeno senza riuscirci sempre. Si arriva a inventarsi qualsiasi cosa e si fa affidamento a qualsiasi tipo di espediente pur di mettere un po' di soldi da parte che consentano di pensare al futuro con serenità o di togliersi qualche sfizio in più. Anticamente ci si segnava ogni cosa, ogni entrata e ogni uscita.

È proprio in questa direzione che va il metodo giapponese del Kakebo, tecnica per risparmiare che, se seguita costantemente, promette davvero grandi risultati. Continuate a leggere e vi mostriamo come funziona.

Advertisement

Pixabay

Se seguito e praticato come si deve, pare che questo metodo consenta di risparmiare e guadagnare fino al 35%. Kakebo si traduce come "libro dei conti domestici". Si tratta di una tecnica inventata da una giornalista giapponese nei primi anni del Novecento e che consiste, appunto, nel tenere un quaderno (o diario) dei conti, prendere nota delle entrate e delle uscite, per evitare sprechi e risparmiare di conseguenza. Può essere messa a punto attraverso i passaggi che vi illustriamo qui di seguito:

  • Prendete un quaderno, un taccuino o un'agenda, preferibilmente di grandi dimensioni, e cominciate scrivendo tutte le vostre entrate del mese. Potete farlo facilmente creando quattro colonne, una per ogni settimana, nelle quali inserirete lo stipendio mensile di cui avete certezza, scritto con un colore, e tutte le eventuali entrate extra scritte con un altro altro colore.
  • Create un ulteriore schema o una tabella con altre quattro colonne dove inserirete quanto avete intenzine di risparmiare per ogni settimana del mese.
  • Compilate, dunque, un altro schema, sempre con una colonna per settimana, dove annotare tutte le spese fisse che avete in quale mese, tipo affitto, bollette e simili.

Pixabay

  • Sottraendo alla somma guadagnata in un mese l'insieme delle spese fisse più quello che volete risparmiare, avrete la cifra che potete spendere in quel mese.
  • Questa cifra dovrà essere, a sua volta, suddivisa in quattro categorie, ovvero: ciò che spendete per cibo, medicine e vestiti, ciò che spendete per cultura e istruzione, ciò che spendete per l'intrattenimento e la restante parte che riguarda tutte le spese che non appartengono alle precedenti categorie.

Così facendo, riuscirete a tenere traccia di ogni singola cosa che entra ed esce dal vostro conto e noterete presto quanto diventi più facile, in questo modo, mettere dei soldi da parte. Andando avanti prenderete maggiore consapevolezza delle vostre abitudini e risparmiare sarà sempre più facile. Ovviamente, seguendo questa logica, potete aggiustare gli schemi come meglio credete, in base al vostro metodo organizzativo. L'importante è che le cose delle quali prendere nota siano quelle.

Che aspettate? Correte a provare, potrebbe essere la svolta della vita!

Advertisement